Gli esperti della Piscina / I migliori metodi di disinfezione per la vostra piscina senza prodotti chimici | THE COOL POOL by Fluidra
09
Mag

Affinché l’acqua della vostra piscina sia nelle migliori condizioni possibili, le sue proprietà fisiche e chimiche devono rimanere costanti. Questo è l’obiettivo dei sistemi di trattamento e di disinfezione dell’acqua.

Due prodotti risaltano tra i più sostenibili e salubri: le apparecchiature per l’elettrolisi del sale ed la neolisi.

Le apparecchiature per l’elettrolisi del sale utilizzano del sale comune (cloruro di sodio) ed attraverso un particolare procedimento interno producono il disinfettante necessario per la piscina. Questo è un trattamento dell’acqua estremamente semplice rispetto ai prodotti chimici infiammabili  e pericolosi da maneggiare. Inoltre, sono richiesti per il trattamento dell’acqua soltanto delle pastiglie di sale, uno stabilizzatore (iniziale) e un riduttore del pH; con un risparmio totale fino al 90% rispetto ai prodotti chimici utilizzati per una piscina con disinfezione tradizionale.

Il primo step necessario per l’impiego di sistemi per l’elettrolisi del sale è aggiungere 4 grammi di sale per ogni litro d’acqua nella piscina, sale comune da cucina senza additivi, come quello utilizzato anche negli addolcitori. In linea di massima, questa proporzione di sale è nove volte minore rispetto a quella che si trova nell’acqua di mare.

Quando il sale si discioglie, un passaggio di corrente elettrica avviene attraverso gli elettrodi, che sono il cuore di ogni sistema per l’elettrolisi del sale, formando cloro che viene immesso nell’acqua della piscina. Il consumo di energia in questo processo è molto basso, simile a quello di una lampadina.

La concentrazione del sale in acqua rimane costante ma sono necessarie un paio di ricariche per compensare le perdite causate dal controlavaggio del filtro.

desinfectar-piscina-sin-cloro_thecoolpool

Nel caso della neolisi, un unico reattore combina la produzione di cloro dal sale con un altro interessante sistema di disinfezione: le radiazioni UV del sole. Il trattamento UV si basa sull’uso di raggi UV che modificano il DNA di alcuni microrganismi nell’acqua e inibiscono la riproduzione delle cellule.

Neolysis – un processo brevettato da Fluidra – accoppia l’azione sterilizzante dei due metodi e riduce notevolmente la concentrazione di clorammine (le quali sono prodotte quando il cloro viene a contatto con composti organici come sudore e alcuni cosmetici) richiedendo soltanto l’aggiunta di 2 grammi di sale per litro di acqua. Questo basso livello di sale rende l’acqua di scarto della piscina adatta addirittura per l’irrigazione dei giardini, il che aumenta ulteriormente la sostenibilità della piscina.

Sia la clorazione a sale che la neolysis sono due soluzioni efficienti di disinfezione dell’acqua e non causano i disagi che il cloro solitamente crea: forti odori,  spiacevole sapore dell’acqua, occhi arrossati, irritazione delle mucose, pelle e capelli secchi. In più, la pulizia e la salute dell’acqua regalano una grande sensazione di benessere e ogni nuotata diventerà un’esperienza indimenticabile.