Guillaume Néry, campione mondiale di apnea

Sfruttando solamente il respiro e la forza muscolare, l’apneista francese Guillame Néry può arrivare ad una profondità di 125 metri. Con i suoi molteplici traguardi a livello mondiale e attraverso la combinazione sorprendente tra sport e video art, Néry mostra la bellezza e l’immensità della natura.
In questa esperienza ci dimostra non solo le enormi capacità di adattamento all’acqua, ma anche le emozioni e le sensazioni di un contatto così affascinante con l’oceano.

Nel suo video “Free Fall”, Néry si immerge nelle profondità della “Dean’s Bue Hole”, la dolina marina più grande del mondo, con una profondità di 203 metri, catturando la bellezza ed il mistero di questa baia situata nelle Bahamas.
Il video, registrato da sua moglie Julie Gautier, è diventato virale. Ha più di 26 milioni di visualizzazioni su You Tube, ma come la coppia disse in uno show tv US “Outrageous Acts of Science” :
“ L’idea non era di arrivare a toccare il fondo, ma di creare un film artistico differente e diverso da ciò che solitamente vediamo in un documentario naturalistico, ridefinendo i limiti e cercando di immergere lo spettatore nelle profondità dell’oceano”.

La magia dell’apnea

Oltre ad essere un costante campione di apnea, Néry ha il controllo assoluto del suo corpo nelle condizioni più estreme e dice che trattenere il respiro lo aiuta a smettere di pensare, ad entrare in uno stato di completa pace e relax.

Per Néry, tuffarsi diventa una forma di conquista dell’universo e gli permette di entrare in uno spazio inesplorato.

Nel suo TED talk “L’esilarante Pace dell’Apnea” parlando della sua esperienza nelle profondità del mare a 123 metri senza l’attrezzatura subacquea, disse:

“Io mi sento come un puntino, un granello di polvere, polvere di stelle, fluttuante nel mezzo del cosmo, nel mezzo del nulla, nell’immensità dello spazio. È una sensazione affascinante, perché quando ti guardi attorno, vedi sempre la stessa cosa, l’infinito profondo blu.”

L’immersione ha permesso a Néry di conoscere nuovi valori, come l’umiltà, l’accettazione del momento presente ed il rispetto verso la sua squadra:

“Quando ho trovato me stesso in queste profondità…. Mi sono sentito come un puntino senza importanza, perso in tutto questo spazio vuoto. Eh… è assolutamente affascinante”

Non perdere il video dove Guillaume Néry esplora, senza l’attrezzatura subacquea e in un solo respiro, la Y40, la piscina più profonda del mondo!

Una piscina nella campagna pugliese

Masseria Moroseta è un hotel situato a pochi chilometri da Ostuni, comunemente conosciuta come la città Bianca di Brindisi, nel cuore della campagna pugliese. Il designer inglese Andrew Trotter, dopo tre anni di ricerche e studi per conoscere a fondo le tradizioni locali, progettò questa struttura luminosa costruita attorno ad un patio, in linea con lo stile dell’architettura del passato.

All’interno dell’hotel, rimarrete meravigliati dalla piscina inserita perfettamente nel paesaggio naturale, con imponenti alberi d’ulivo di oltre 500 anni. I materiali architettonici della Masseria Moroseta sono stati prelevati a chilometro zero. La struttura essenziale e i dettagli architettonici rispettano a pieno il contesto storico e l’ambiente.

Le mura spesse, i soffitti a cupola, i pavimenti in pietra e le pareti bianchissime mantengono le camere fresche durante le giornate più calde dell’anno.

La struttura è composta da 6 stanze da 24 e 45 metri quadri, con   un piccolo giardino privato o una terrazza con vista sulla campagna. I pannelli solari provvedono a fornire energia sufficiente per l’illuminazione ed il riscaldamento del complesso.  L’agriturismo ha perfino la sua fonte d’acqua: un pozzo che fornisce un flusso costante di acqua fresca per soddisfare tutte le esigenze.

Piscina Puglia

Il cibo, la vita sociale, i rituali quotidiani, l’attività fisica, i benefici dell’aria fresca e del sole sono le basi di questo business unico.

La cucina dell’hotel mantiene le specialità e le modalità culinarie del luogo. In linea con la filosofia sostenibile, le pietanze e le bevande servite in hotel sono prodotti tipici delle fattorie locali.  Il forno in pietra di oltre 200 anni è perfetto per la cottura di carne e verdure alla brace, mentre nel mese di ottobre gli ospiti possono raccogliere le olive fresche nella tenuta dell’agriturismo.

Lo stabilimento propone una gamma completa di servizi wellness: rituali orientali, trattamenti di esfoliazione, detox e anti-età praticati con l’aiuto delle piante benefiche mediterranee che provengono dai terreni agricoli dell’hotel.

La semplicità estrema di questo hotel crea un’ambientazione perfetta per rilassarsi ed isolarsi dal resto mondo.

Piscina entre olivos

Una vecchia fattoria con una piscina naturale

Querce da sughero, lecci e pini caratterizzano il paesaggio catalano della riserva naturale di Les Gaverres, dove la squadra di Barcellona Zest Architecture ha riqualificato un’antica fattoria. Il lavoro, in questo luogo ideale per le escursioni, ha dovuto rispettare l’edificio originale a causa delle norme urbanistiche, reinterpretandolo e adattandolo con successo ai tempi moderni, è stato integrato attentamente nella splendida cornice spagnola.

Le pareti della fattoria erano fatte di pietra, pesante come il resto dell’architettura vernacolare della zona. La nuova proprietà apre le facciate e lascia passare la luce naturale attraverso le finestre di legno incorniciate in scatole di acciaio. Il contatto visivo tra l’edificio di nuova generazione e l’ambiente è stato potenziato per arricchire lo spazio.

Questa casa di campagna, che puoi vedere nel seguente video, è perfetta per rilassarsi! Adattata al terreno, la nuova proprietà consente l’accesso al giardino da diversi livelli. Le camere sono state messe al piano di sotto. Le aree di vita  quotidiana sono al piano di sopra. Da qui è possibile accedere alla piscina che corre lungo l’estensione del giardino. L’acqua viene riciclata attraverso un sistema di depurazione biologica e successivamente utilizzata per annaffiare il giardino. La piscina naturale è progettata per essere priva di cloro e altre sostanze chimiche, sono le piante e il filtro di ghiaia a pulire l’acqua.

La casa è stata progettata secondo i criteri Passivhaus, rendendo la proprietà a consumo energetico molto basso. Gli architetti hanno aggiunto un buon isolamento termico sotto forma di sughero, un materiale raccolto naturalmente nella zona. All’interno la proprietà è stata rifinita con rendering di argilla. Non è stata dipinto ma lasciata con il materiale naturale. I marciapiedi sono realizzati in cemento lucido miscelato con ossido e rifinito con cera d’api. La casa ha un impianto geotermico per la produzione di acqua calda e riscaldamento e viene completata con pavimenti raffrescati per l’estate.

Immagini: © Jesús Granada

Piscine ad alto contrasto

La popolarità delle piscine colorate con un effetto sorprendente è destinata a crescere nel 2018. Oggi presentiamo alcune delle idee più creative dimostrando che una piscina non è più solo un luogo per il benessere, ma anche un ambiente per godersi l’arte a casa.

Piscine ispirate alla natura

Nel corso della sua carriera, l’architetto Luis Barragán desiderava che l’acqua della piscina proiettasse i colori della luce del sole, la trama delle pareti multicolori, gli alberi in un cortile o il cielo stesso: dal grigio al viola e al blu nei giorni più luminosi. Il suo lavoro cercava costantemente di trasformare giardini in case e case in giardini. Per Casa Gilardi, Barragán ha messo una piscina blu e rossa accanto a un tavolo rustico in legno massiccio, suggerendo che può essere un contrasto stimolante come la più grande opera d’arte.

Massima saturazione

Le ultime tendenze di colore sono presenti nella maggior parte delle opere dell’architetto messicano Ricardo Legorreta. Le sue piscine rendono libero il gioco di contrasti di colore come il rosa con il giallo o il viola per creare un’atmosfera calda e felice

Piscine Mediterranee

Questa piscina a forma di croce latina nel complesso La Muralla Roja (Calpe, Alicante) di Ricardo Bofill è stata teatro di numerose campagne pubblicitarie. La sua piscina cremisi a Mont-Ras (Costa Brava) è un altro punto di riferimento chiave di questa tendenza.

Piscine concettuali

Nel resort concettuale The Library (Tailandia), le tessere gialle e rosse a mosaico contrastano con gli ombrelli rossi e il mare turchese all’orizzonte. Questo spazio è un esempio di come vivere l’arte all’interno dell’acqua in un modo totalmente unico.

Per aggiungere colore a una piscina senza dover fare alcun lavoro, è possibile installare lampade wireless e punti luce telecomandati per rendere la piscina un luogo di benessere, oltre che uno spazio dedicato alla creatività e allo stupore

immagini :  Cuadra San Cristóbal (Luis Barragán); Onnis Luque- Casa Giraldi (Luis Barragán); Deezen- Casa Kona (Ricardo Legorreta); Legorreta + Legorreta- Adrenaline House (Ricardo Legorreta); The Vandalist – Casa familiar Mont-Ras (Ricardo Bofill); Ricardo Bofill- The Library; The Library.

Immergetevi nell’architettura minimalista giapponese

Aonagi è un boutique luxury hotel nella regione giapponese di Setouchi, nella Prefettura di Okayama. Questo progetto alberghiero studiato scrupolosamente vanta soltanto sette stanze e venne disegnato 17 anni fa da Tadao Ando, un brillante architetto autodidatta giapponese il cui lavoro – che si contraddistingue per l’utilizzo di tre componenti chiave: il cemento, l’acqua e la luce –  gli valse il Premio Prize, il più alto premio internazionale di architettura, nel 1995. Leggi tutto “Immergetevi nell’architettura minimalista giapponese”

Fatevi un tuffo: cinque video musicali filmati in piscina

Spesso le piscine sono state utilizzate come location per i video musicali di molti artisti. Questa lista include le icone degli anni ‘80, le rock band e le pop star che promuovono le loro canzoni facendo bagni e tuffi indimenticabili.

Leggi tutto “Fatevi un tuffo: cinque video musicali filmati in piscina”

Una piscina con vista sulla Grande Barriera Corallina

Proprio sul bordo della Grande Barriera Corallina, tra le 74 isole che costituiscono l’arcipelago di Whitsunday, dichiarato dall’UNESCO  Patrimonio dell’Umanità, potrete trovare l’isola di Hamilton. Affacciata sulla costa di Queensland, Australia, è la più grande isola inabitata di tutto l’arcipelago,  dispone di un proprio aeroporto commerciale e si trova nelle vicinanze di Shute Harbour. Leggi tutto “Una piscina con vista sulla Grande Barriera Corallina”

Signori e signore: allacciate i vostri costumi!

Si può pensare a un modo migliore per sfuggire al solito trambusto del traffico aereo che non sia un tuffo rinfrescante? I tre aeroporti che vi indichiamo di seguito hanno tutti una piscina, un modo sicuro per combattere la noia delle soste, dei voli in ritardo e delle cancellazioni in modo (molto di più) sopportabile. Leggi tutto “Signori e signore: allacciate i vostri costumi!”

Una piscina blu tra pareti rosse

Con questo articolo vogliamo portare l’attenzione sull’architettura anni ’70, in particolare all’opera di Ricardo Bofill , un architetto dai progetti  significativi tra cui: l’espansione dell’aeroporto di Barcellona, l’hotel W Barcellona , la ristrutturazione di una vecchia fabbrica di cemento alla periferia di Barcellona (che si trasformò nel suo quartier generale, il Taller de Arquitectura ),  il design e la costruzione de La Muralla Roja resort dal 1968 al 1973.
Leggi tutto “Una piscina blu tra pareti rosse”